ESPERIENZE DI GUSTO | 29 MAGGIO 2024

Viaggio nelle Ricette del Passato
Una Serata Indimenticabile a Monte Vidon Combatte

Mercoledì 29 maggio 2024, Monte Vidon Combatte ha ospitato una serata straordinaria dedicata alla riscoperta delle antiche tradizioni culinarie delle Marche.
L’evento “Viaggio nelle Ricette del Passato” ha visto una grande partecipazione di pubblico e istituzioni, contribuendo al successo di questa prima tappa di un progetto ambizioso.

Un Ringraziamento Speciale

Desideriamo ringraziare sentitamente tutte le persone che hanno reso possibile questa serata:

  • Cuoca Nadia Pieroni, per la sua straordinaria maestria in cucina.
  • Associazione Cuochi di Fermo, in particolare il Presidente Guido Tassotti e il Presidente Onorario Sandro Pazzaglia, per il loro prezioso contributo.
  • Bruno Carletti di Star Again, per il coordinamento impeccabile del progetto.
  • Zefiro Lab, per la comunicazione efficace e coinvolgente.
  • Le persone del borgo di Monte Vidon Combatte, per il loro supporto e la loro dedizione nel rendere l’evento un successo.

La Serata

La serata è iniziata alle 18:30 nel suggestivo Giardino della Palombara, dove passato e presente si sono incontrati in una location storica d’eccezione. Dopo il convegno, i partecipanti hanno potuto godere di un aperitivo, offerto in un’atmosfera conviviale.

Alle 20:30, ci siamo spostati all’Antica Bottaia per il recupero delle antiche ricette marchigiane, autenticate dal Comitato Scientifico dell’Associazione Cuochi della Provincia di Fermo. Due piatti tradizionali sono stati i protagonisti della serata:

  • Quaglie alla Brace
  • Ove in Trippa


L’Obiettivo del Progetto

Come ha spiegato il Presidente Guido Tassotti: “L’idea di questo progetto/evento è quella di ricostruire le ricette tipiche di ogni comune, che possano essere rappresentative e realmente identitarie, costruire un ricettario, un disciplinare ufficiale e coinvolgere i locali di quel comune perché ci sia sempre la possibilità di assaggiare quel piatto.” A tal proposito, un comitato scientifico certificherà e validerà queste ricette, garantendo autenticità e qualità.

L’obiettivo è ricordare e non disperdere le ricette della nostra tradizione culinaria marchigiana. Speriamo che queste ricette vengano proposte nei ristoranti del territorio, sia per i locali che per i turisti, affinché non vadano dimenticate.

Prossimo Appuntamento

Siamo lieti di annunciare che la prossima tappa del nostro viaggio culinario si terrà il 27 giugno a Porto San Giorgio. Segnate la data e unitevi a noi per continuare a celebrare e valorizzare le nostre radici gastronomiche.

Grazie ancora a tutti per il supporto e la partecipazione. Continuiamo insieme questo viaggio nelle tradizioni culinarie delle Marche!

GALLERIA FOTO

VIDEO VERATV

Si consiglia la lettura del seguente articolo per maggiori info: Il Resto del Carlino

Fermo, 29 maggio 2024

ESPERIENZE DI GUSTO | 22 APRILE 2024

Un Trionfo di Sapori
L’evento “Esperienze di Gusto” rivela le Meraviglie dell’Olio e del Vino Marchigiano

Il 22 aprile, il Ristorante Astoria di Fermo ha ospitato l’evento “Esperienze di Gusto”, una serata memorabile dedicata all’olio extravergine d’oliva e ai vini della regione delle Marche. Oltre all’intervento esperto di Palmiro Ciccarelli sulla degustazione dell’olio, l’evento ha beneficiato della presenza di relatori del calibro di Massimiliano Petrelli, Leonardo Seghetti e Lando Siliquini, che hanno approfondito l’importanza della dieta mediterranea.

L’evento ha visto la partecipazione di figure istituzionali come Paola Marchegiani, Dirigente dell’ufficio turismo della Regione Marche, e Annalisa Cerretani, assessore al turismo di Fermo, dimostrando il forte legame tra cultura gastronomica e promozione del territorio.

Un ringraziamento speciale va ai presidenti Guido Tassotti e Sandro Pazzaglia per il loro impegno, ai produttori locali, al team di “Tipicamente Marchigiani”, e a tutti i sostenitori che hanno contribuito al successo dell’evento. Zefiro Lab ha curato la comunicazione, mentre VeraTV ha documentato la serata, rendendo disponibili foto e video dell’evento per chi desidera rivivere o scoprire i momenti salienti.

Un evento che ha rafforzato la rete di collaborazioni tra i diversi attori del territorio, promettendo nuove e interessanti iniziative future.

GALLERIA FOTO

VIDEO VERATV

Fermo, 22 aprile 2024

ACCADEMIA TIPICITA’ 2024

TALENTI, PROFESSIONI, TIPICITA’ A CONFRONTO

Siamo onorati di condividere i momenti salienti della nostra Accademia di Tipicità, dove la tradizione culinaria è stata non solo celebrata ma anche vivamente dibattuta. Questo evento è stato reso possibile grazie alla professionalità e alla dedizione dell’ Associazione Cuochi Provincia Di Fermo.

Un sentito ringraziamento ai cuochi straordinari che hanno partecipato: il virtuoso Marcantonio Sacramoso, la talentuosa Nadia Pieroni non da ultimo, il nostro giovanissimo e promettente aiuto cuoco del Ristorante Astoria di Fermo, Jose Scendoni.

La loro maestria ha trasformato piatti tradizionali in opere d’arte culinaria.

Un applauso speciale va al nostro Presidente Guido Tassotti e al Presidente Onorario Sandro Pazzaglia cui visione e guida hanno permesso che ‘Tradizioni Culinarie a Confronto’ si trasformasse in una realtà scintillante.

Enrico Pighetti, con la sua brillante moderazione, ha illuminato ulteriormente il nostro incontro, e la Cantina Podere Sabbioni ha arricchito ogni assaggio con i suoi vini pregiati.

Ogni fotografia in questo album, segno della preziosa collaborazione nei nostri progetti con Start Again e ZefiroLab, è una finestra sulla passione e sulla storia che continuiamo a tessere insieme.

Fermo, 11 marzo 2024

Si consiglia la lettura del seguente articolo per maggiori info: IlRestodelCarlino

TIPICAMENTE MARCHIGIANI 2023

Convegno dedicato alle Tradizioni Marchigiane e
Cena degustazione con le migliori prelibatezze locali.

La serata di lunedì all’Hotel Ristorante Astoria è stata un trionfo di gusto e tradizione! Con l’illustre presenza dello Chef Giampiero Giammarini del Ristorante I Piceni di Ortezzano e lo chef Mauro Donati di Orsolina abbiamo onorato le nostre radici culinarie con un evento esclusivo per 70 invitati d’eccezione. Tra sindaci, assessori e figure di spicco del territorio, abbiamo condiviso la visione di un futuro culinario che valorizza la nostra eredità gastronomica.

Un caloroso ringraziamento a tutti voi che avete reso la serata indimenticabile con la vostra presenza! 🙏💖

Il nostro cuore è pieno di gratitudine per gli stimati produttori locali che sono l’anima della nostra eccellenza culinaria.
Un applauso speciale al Sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro – Sindaco di Fermo, alla saggezza culinaria di Piergiorgio Spaggiari, alla penna esperta di Paolo Massobrio, giornalista ed editore de IL GOLOSARIO, alla narrazione di Marco Rotunno, Scrittore e Direttore MITI Fermo, e alla maestria di Sandro Pazzaglia, Chef e autore, che con il il suo libro ‘Antiche Ricette’ continua a ispirarci.

Un ringraziamento sentito anche al nostro Direttore, Guido Tassotti, per la sua visione e dedizione come Presidente dell’Associazione Cuochi della Provincia di Fermo. Insieme, celebriamo il sapore della comunità e l’arte della cucina.

Fermo, 13 novembre 2023

L’ASSOCIAZIONE CUOCHI DEL FERMANO A TIPICITA’ 2023

“DOVE VA LA CUCINA ITALIANA:
DAI MACCHERONCINI DI CAMPOFILONE ALLA FARINA DI GRILLO”

La 31esima edizione di Tipicità ha segnato un importante momento di riflessione per l’Associazione Cuochi della Provincia di Fermo, riunendo figure di spicco dell’enogastronomia per discutere il futuro della cucina italiana.

Con un focus sulla sostenibilità e l’innovazione, l’evento ha esplorato come le tradizioni culinarie possano evolvere rispondendo alle esigenze contemporanee, senza rinunciare alla ricchezza del patrimonio italiano.

L’incontro ha messo in luce l’importanza della ricerca e dell’adattabilità, da ingredienti innovativi come la farina di grillo a tecniche all’avanguardia, dimostrando un vivace equilibrio tra passato e futuro culinario.

Per maggiori dettagli, si consiglia la lettura degli articoli sui siti di “Cronache Fermane” e “Il Resto del Carlino”, che hanno offerto una copertura approfondita dell’evento.

Fermo, 13 marzo 2023

ASSEMBLEA NAZIONALE A.C.I.R

FERMO – Cucina e cultura ben si sposano tra i vicoli di Fermo. Cucina è quella provata e applaudita nella sala dell’Astoria dove si è chiuso il percorso ‘Cuspide della triade Sacra’ all’interno del festival regionale dalla Vigna alla Tavola. Cultura è quella offerta a venti cuochi arrivati da ogni angolo d’Italia per l’assemblea annuale dell’Aric a cui è stata mostrata la città con le sue bellezze. Merito della guida-tour operator Emanuele Luciani e del gruppo capitanato dal ristoratore Guido Tassotti e dalla progettista Anastasia Nicu.

Luciani, cena di chiusura. Come è andata?

“Una serata di gala al termine di un percorso che ha coinvolto dieci ristoranti, 26 cantine e 40 vini”.

Vetrina importante?

“Un format vincente, diamo merito alla Regione di avere avuto una idea del genere. Poi ogni progetto ha messo del suo. Quando durante una delle nostre tappe sono arrivati i blogger nazionali ci sono state 4milioni di visualizzazioni, tanto per fare un esempio di ritorno immediato”.

Feedback dei protagonisti?

“I ristoratori molto contenti, a tal punto che vogliono riproporre questo format, cena e vino, tra gennaio e marzo. In molti hanno compreso che fare squadra è qualcosa che funziona. E così già pensiamo a nuove progettualità”.

Luciani, come dare seguito alla ‘Cuspide della triade sacra’?

“Intanto, Giaconi editore pubblicherà un romanzo illustrato diviso in due parti. La prima dedicata alle giornate, al viaggio tra vino e cibo, la seconda con schede tecniche sulle cantine. Noi vorremmo arrivare a marzo dell’anno prossimo, quando uscirà un secondo bando regionale ‘Marche dalla vigna alla tavola’ con una squadra che funziona e cresce”.

Sarà contento l’assessore Carloni, non vi fermate all’uso dei soldi regionali.

“Tutt’altro. Diamo un senso al bando con una progettualità che non finisce. Per la prima volta un bando non termina con i soldi della regione, ma va avanti stimolato dai privati. L’enoturismo è una strada che una volta imboccata può solo diventare più bella”.

Come è nata l’idea di abbinare alla cena in programma la visita dei cuochi?

“Abbiamo ospitato una delegazione da tutta Italia: dal Piemonte alla Sicilia, inclusa la professoressa dell’Urbani Sabrina Attanasio con alcuni allievi, la prima assemblea nazionale dell’Acir a Fermo. Una ventina di cuochi sono stati conquistati da Torre di Palme, dal palazzo dei Priori, dal nostro territorio. Che gli abbiamo mostrato in ogni aspetto, produttori e prodotti tipici inclusi. Questo focus è stato un unicum all’interno della Cuspide della triade sacra”.

Squadra vincente non si cambia, anche per il futuro?

“Capofila del progetto è il ristorante Astoria, la progettatrice Nastasia Niku. Alla chiusura hanno partecipato i sindaci dei comuni coinvolti durante le dieci tappe, il consigliere regionale Marinangeli, la commissaria alle pari opportunità Maria Lina Vitturini conquistata dal fatto che la progettista sia una under 30. Poi, chiaro, che se non ci fosse stata la mano dei cuochi Tassotti, Giammarini, Sgariglia e Anico tutto sarebbe stato più difficile”.

CUCINA E TERRITORIO: oltre 100 chef alla Pescheria di Catania per tornare ai veri valori del cibo

CATANIA – Appuntamento, tra i banconi della storica Pescheria di Catania, con i cuochi giunti in Sicilia da diverse regioni d’Italia.

Scegliamo di valorizzare le risorse locali, gli ingredienti del territorio, le varietà autoctone, quelle che fanno la differenza tra un piatto convenzionale e una ricetta che valorizza territorialità e stagionalità”, spiegano gli organizzatori dell’Associazione Cuochi e Pasticceri della Provincia Etnea, che da ieri fino a martedì 16 accolgono gli oltre 100 chef per un convegno di categoria al President Park Hotel di Acicastello.

Gli ospiti del convegno “Cuochi e pasticceri ieri, oggi e domani” sono i cuochi professionisti che hanno codificato la cucina italiana con ricette diventate famose in tutto il mondo e che ora guardano con diffidenza alla più spregiudicata evoluzione dell’arte culinaria e della pasticceria.

Non ci riconosciamo più in una cucina fatta di piatti ideati più per essere fotografati per i social che per essere assaporati”, dicono chef che hanno ideato i primi concorsi di cucina, guidato i vertici della Fic (federazione nazionale dei cuochi), insegnato nei primi Istituti Alberghieri d’Italia e formato intere schiere di giovani cuochi, esportato all’estero la tradizione gastronomica italiana, come Giorgio Nardelli, Gaetano Ragunì, Paolo Caldana, Fabio Tacchella, Rossano Boscolo, Gerardo Novi, Sergio Mei, Antonio Creti, Carmelo Chiaramonte e tanti altri grandi nomi che saranno riuniti a Catania per questa occasione di certo eccezionale e senza precedenti.

Non vogliamo che il nostro impegno che tanti frutti ha dato finora, evapori di fronte a una moda che prevede porzioni tanto piccole che fanno sentire la necessità di mangiare un panino a fine pasto. E soprattutto non vogliamo che la nostra immagine professionale, costruita con sacrificio e costante impegno fino a diventare una posizione socialmente ambita, diventi un’effimera corsa alla collezione di ‘like’ e una forsennata cattura di stelle, mentre dovrebbe avere come vero e inderogabile obiettivo la soddisfazione delle esigenze del cliente, nel rispetto della salute dell’uomo e dell’ambiente, della sostenibilità delle risorse e della stagionalità, della cultura locale e delle tradizioni”.

Il programma del convegno – spiega il presidente dell’Associazione Cuochi e Pasticceri Etnei, Angelo Scuderi – prevede alcuni momenti di confronto con le testimonianze degli chef che rappresentano la memoria storica della cultura gastronomica italiana, degustazioni di piatti della tradizione, dimostrazioni e occasioni di intrattenimento, ma anche alcuni momenti di incontro con gli studenti degli Istituti Alberghieri della provincia etnea con i quali sono previsti dibattiti sui nuovi orizzonti della professione, spaziando dalla cucina delle intolleranze alimentari, alle cotture non convenzionali, all’utilizzo di spezie e superalimenti”.

TRIADE SACRA E ASSEMBLEA NAZIONALE A.C.I.R

Le serate della triade sacra continuano e con grandissimo successo.ieri serata romana alle loggette di Falerone. Sono rimaste tre serate ( il29 ,il5 e l’8 novembre) ricordate che per l’8 ci sarà anche a partire dalle ore 11 l’arrivo delle delegazioni delle associazioni cuochi da tutta Italia,siete tutti invitati a partecipare ,vi rimando la locandina con il programma. Ricordo anche che sono a disposizione diverse giacche ufficiali per chi partecipa

CRUDI IN ITALIA

Chiesa di San Francesco -Asciano 02 ottobre 2021

A.C.I.R 

Appuntamento ad Asciano sabato 2 ottobre per la V edizione di Eccellenze di Gusto nel corso della quale si assegnano tradizionalmente gli storici Premi “Crudi in Italia”, Premio nazionale dei prodotti caseari a latte crudo; “Pepe e Sale”, Premio nazionale del salume d’eccellenza, e il Premio Internazionale “Il Cibo della Terra” riconoscimento alla capacità di esprimere con una immagine Ambiente, Cultura e Alimentazione.

In questa giornata focus su “Crudi in Italia” e concorso fotografico “Il Cibo della Terra”. Nei prossimi mesi il Premio “Pepe e Sale”.

Aset, l’associazione Stampa EnoGastroAgroAlimentare Toscana, è partner della manifestazione e partecipa con alcuni suoi soci giornalisti alle due giurie dei premi e al convegno.

Stretta tra globalizzazione commerciale e logiche della grande distribuzione, l’eccellenza alimentare è oggi sinonimo di memoria, fare gentile e sapiente di un tempo meno opulento ma assai più genuino. Una critica ad una modernità troppo condizionata dagli standard e poco appassionata all’unicità. Quel tratto distintivo che si ritrova nei territori e nelle migliori esperienze contadine in campo alimentare. Siamo nelle Crete Senesi e niente è meglio degli aspri contrasti locali per esaltare il valore artigianale della lavorazione casearia a latte crudo.

La manifestazione ha debuttato nel 2016, registrando una notevole crescita esponenziale. Il numero di partecipanti è passato dalle iniziali 27 aziende alle 107 dell’ultima edizione, mentre per i prodotti in gara da 73 a oltre 230 campioni. Un eloquente segnale che certifica l’attenzione sempre crescente delle imprese artigiane del territorio e non, per quegli eventi che sanno valorizzare il tema della qualità, la compatibilità ambientale della produzione, l’interazione tra allevamento e nutrizione; temi fondamentali per ogni filiera d’eccellenza.

Per la valutazione dei prodotti ogni anno è impegnato un gruppo di lavoro scientifico con il compito di passare ai raggi x le proprietà organolettiche delle specialità a confronto, a cui fanno seguito convegni di approfondimento sui protocolli di produzione. A fare cassa di risonanza alle finalità morali di questa iniziativa la totale gratuità della manifestazione. Nessuna quota d’iscrizione è richiesta alle aziende partecipanti e nessun biglietto a carico del pubblico invitato alle degustazioni.

“Se è vero che l’uomo è ciò che mangia” – spiega Gianfranco Giannetti, presidente e animatore dell’iniziativa – la frase si rivela ancora più emblematica se prendiamo in considerazione i prodotti caseari a latte crudo. Non solo l’uomo è ciò che mangia, ma è anche ciò che ha mangiato l’animale da cui sono ricavati i prodotti caseari. Infatti il latte risente direttamente ed in maniera determinante sia dell’alimentazione sia delle condizioni di vita dell’animale stesso.

Inoltre, per la realizzazione di prodotti caseari a latte crudo, gli standard igienici e sanitari devono obbligatoriamente essere altissimi ed i tempi di stazionamento del latte tra la mungitura e la successiva trasformazione estremamente limitati, così da evitare possibili proliferazioni microbiche involontarie. La qualità dei prodotti caseari a latte crudo si innesta nelle tradizioni locali che permettono di realizzare prodotti estremamente qualificati e diversificati al contempo. Organoletticamente distinti sia dalle caratteristiche di lavorazione, sia da microclima e microflora di stagionatura”.

NUOVO PRESIDENTE ASSOCUOCHI FERMO

“GUIDO TASSOTTI E’ IL NUOVO PRESIDENTE
DELL’ ASSOCIAZIONE CUOCHI DELLA PROVINCIA DI FERMO”

Guido Tassotti è stato eletto nuovo Presidente dell’ Associazione Cuochi della Provincia di Fermo, succedendo ad Alessandro Pazzaglia.

L’elezione è avvenuta all’ unanimità durante un incontro presso l’antica Osteria Orsolina di Fermo.

Guido Tassotti, che è anche il direttore dell’ Hotel Astoria di Fermo, ha espresso l’intenzione di avvicinare i giovani alla professione di cuoco.
Con una visione rivolta al futuro e all’innovazione nel rispetto della tradizione culinaria, Guido mira a valorizzare le eccellenze territoriali.


Per saperne di più, consigliamo l’articolo completo su Cronache Fermane.